Sapone da barba in una ciotola in legno Gentleman Floris No. 89 (100 g)

Sapone da barba in una ciotola in legno Gentleman Floris No. 89 (100 g)

52.90 €
Disponibile, consegniamo giovedì 18. 4. Si applica nel caso di pagamento con carta online o tramite PayPal e l'uso del corriere DPD o GLS.
Spedizione gratuita sopra i 60 € Spedizione gratuita sopra i 60 €
La consegna avviene entro 3 giorni lavorativi La consegna avviene entro 3 giorni lavorativi
90 giorni per il reso o il cambio 90 giorni per il reso o il cambio
Descrizione del prodotto

Sapone da barba solido delicato, di prima classe, macinato tre volte in un'elegante ciotola di legno. È prodotto dal più antico e giustamente famoso produttore di cosmetici britannico Floris of London, che ha sede nella famosa Jermyn Street da quasi trecento anni.

A cosa serve?

Per una rasatura di prima classe, naturalmente. Con un sapone di alta qualità, anche la qualità della schiuma creata aumenta notevolmente e con essa il comfort durante la rasatura. Oltre alla composizione tradizionale, questo sapone ha anche un odore tradizionale - che consiste in una comprovata combinazione di agrumi, legno e neroli.

Perché funziona?

Grazie al burro di karitè contenuto, non secca la pelle ed aumenta il livello di comfort della rasatura .

Come si usa?

Preparare un pennello da barba, immergerlo accuratamente in acqua calda in modo che la assorba, e farlo scorrere sul sapone con movimenti circolari. Applicare la schiuma spessa risultante sul viso e radersi bene.

Peso: 100 g

Prodotto in Inghilterra

Valutazione
+ Aggiungere la valutazione
Sulla marca

La Jermyn Street di Londra è la sede di molti produttori leggendari di cosmetici maschili, tra cui il più antico: Floris, fondato nel 1730, noto anche come Floris of London, produttore di profumi di prima classe, alla cui seduzione hanno ceduto, tra gli altri, Winston Churchill, Marilyn Monroe, il padre spirituale di James Bond Ian Fleming e la Principessa Diana.

Oggi Floris è gestita congiuntamente dall'ottava e dalla nona generazione della famiglia, che vanta onorificenze a dir poco sbalorditive, come ad esempio l'unico mandato reale per un profumiere di corte mai concesso dalla Regina Elisabetta II.